Trota Marmorata

Salmo trutta marmoratus

English: Marble Trout

E' presente in molte acque correnti della Val di Sole, grazie anche alle semine di uova, avannotti e trotelle provenienti dall'incubatoio ASPS di Cavizzana. Abbondante e frequente nella zona A e B del Torrente Noce, e nel basso corso del Torrente Rabbies. Più in alto lascia progressivamente il posto alla Trota Fario e forme ibride con questa. Presente anche una piccola popolazione nel Lago di Pian Palù, dove alcune trote raggiungono dimensioni notevoli e comportamento ittiofago. Dopo il mese di Agosto molti esemplari risalgono gli affluenti del Noce fino ove possibile per la riproduzione, che avviene circa dal 20 Ottobre al 25 Novembre, a seconda della temperatura delle acque.

Altro
Ibrido Marmorata-Fario

 con predominanza Marmorata

English: Hybrid Marble-Brown Trout

Nelle acque in concessione esistono popolazioni feconde di ibridi fra le 2 semispecie Fario e Marmorata.  La probabile introduzione della Trota Fario d' oltralpe, presumibilmente nei secoli scorsi, ha determinato il riavvicinamento delle popolazioni, divise da millenni, dopo l'ultima glaciazione.

Altro
Ibrido Marmorata-Fario

con predominanza Fario

English: Hybrid Marble-Brown Trout

Nelle acque in concessione esistono popolazioni feconde di ibridi fra le 2 semispecie Fario e Marmorata.  La probabile introduzione della Trota Fario d' oltralpe, presumibilmente nei secoli scorsi, ha determinato il riavvicinamento delle popolazioni, divise da millenni, dopo l'ultima glaciazione.

Altro
Trota Fario

Salmo trutta forma fario

English: Brown Trout

E' frequente e abbondante in quasi tutte le acque di pesca correnti e stagnanti della Val di Sole, ad esclusione di alcuni laghi Alpini.
E' oggetto di ripopolamento come novellame ed adulta nelle zone indicate dai piani di gestione della carta ittica, principalmente rii e torrenti della parte medio-alta del bacino del Noce.  
Presso l'incubatoio di Cavizzana è stato selezionato un ceppo di trota fario fecondo e rustico, proveniente da riproduttori prelevati in "zone rifugio" del Parco Nazionale dello Stelvio e Adamello - Brenta, piccoli affluenti del Torrente Rabbies e Meledrio.
Non c'è la certezza o prove che la specie sia autoctona o inizialmente immessa nei secoli scorsi, e lasciamo agli ittiologi la questione.  

Altro
Salmerino Alpino

Salvelinus alpinus, Salvelinus umbla

English: Artic Char (Alpine form, glacial relict)

A memoria d'uomo il salmerino alpino era presente nelle ns acque nel Lago di Barco e nel Lago Corvo, ora chiuso alla pesca. Per errate immissioni di Trota Iridea negli anni '70 del secolo scorso, il Salmerino alpino era molto diminuito nel Lago di Barco, dove si è ripreso grazie ad una semina di Salmerini del Lago di Tovel (anni 80'). Successivamente ed in tempi recenti, il Salmerino è stato immesso in molti laghi della Val di Sole, con avannotti provenienti dall'incubatoio di Molveno. 
Questi sono generati anche grazie a riproduttori prelevati dai 2 "laghi sorgente" Barco e Corvo.
E presente quindi in questi laghi aperti alla pesca: Lago di Barco, Lago Denza, Lago di Ortisè, Lago Alto, Lago Rotondo, Lago Quarto, Lago Soprasasso, Lago Saleci. In alcuni laghi è presente con la Trota Fario, che ritarda l'insediamento dei salmerini.

Altro
Trota Iridea

Oncorhynchus mykiss, Oncorhynchus clarkii

English: Rainbow Trout, Cutthroat Trout

E' presente in modo sporadico nelle acque correnti della Val di Sole. In alcune acque minori è presente una piccola riproduzione naturale di ceppi immessi con semine del secolo scorso, che si sono adattati , ma comunque deboli e cosanguinei.

E’ frequente nelle acque stagnanti del Lago dei Caprioli e del Lago-bacino di Pian Palù, per immissione come pesce adulto.

E’ originaria dei fiumi del Nord America che versano le loro acque nel Pacifico, dall’Alaska alla California, dove presenta popolazioni migratrici e popolazioni stanziali in acqua dolce, molto diverse fra loro. .

Altro
Salmerino di fonte (americano)

Salvelinus fontinalis

English: Brook Trout, Char

Presente in modo sporadico nelle acque correnti della Val di Sole, può essere più frequente in acque molto fredde e piccole sorgenti affluenti del bacino del Torrente Vermigliana. Presente inoltre in alcuni laghi alpini, residuo di antiche semine del secolo scorso.
Simile alla trota fario, ha capo e bocca grandi; sui fianchi, di colore bruno-violaceo, sono presenti numerose piccole macchie rotondeggianti, in parte giallastre e in parte azzurro-violacee, queste ultime areolate di bianco-azzurro e con punto rosso all'interno.

Altro